United-Kingdom-flag-icon France-Flag-icon Spain-Flag-icon

2010_cover_rapsodiasuunsolotema

RAPSODIA SU UN SOLO TEMA
Colloqui con Rafail Dvoinikov
Manni, collana Pretesti,  2010
ISBN 978-88-6266-242-0
272 pp., euro 18


La gente si profonde in complimenti e tutto finisce lì. Mi si prenota per questo o per quel giorno; io suono, mi sento dire: – 
Oh, c’est un prodige, c’est inconcevable, c’est étonnant! – E buona notte.
(Wolfgang Amadeus Mozart)

 

Nel 1996 Ethan Prescott, giovane compositore di Philadelphia, si reca più volte in Russia a incontrare l’anziano collega Rafail Dvoinikov, per una lunga intervista che è anche l’omaggio di un discepolo nei confronti di un maestro quasi dimenticato. Il titolo del progetto, Rapsodia su un solo tema, rimanda a una delle partiture più emblematiche di Dvoinikov.
Il vecchio rievoca infanzia e giovinezza, incontri, amori, umiliazioni, con la libertà e il disincanto di chi finalmente non deve più rendere conto a nessuno. La sua musica e le sue parole dimostrano che si può rimanere liberi, come artisti e come uomini, anche sottostando alle direttive di un potere oppressivo.
Schiudendosi come una matrioska, questo romanzo combina tentativi di saggio, pagine di conversazioni e di diario, verbali di interrogatori, trascrizioni da un pamphlet settecentesco, per raccontare di musicisti che parlano di altri musicisti che raccontano di altri musicisti che immaginano la vita di altri musicisti ancora.
In sottofondo, la Storia, spesso dolorosa ed enigmatica, del Novecento.

 

«La caratteristica più impressionante di questo romanzo è la verosimiglianza. La scrittura efficace ma discreta (proprio come l’eleganza vera, che quando c’è non si fa notare) funziona come un vetro pulito, la cui trasparenza lascia credere che non vi siano barriere fra lo spettatore e la scena» ha scritto Giovanna Repetto su “Il paradiso degli orchi”. E Claudio Baroni, su “Il Giornale di Brescia”: «Raffinata architettura e profondità della riflessione contribuiscono a rendere ancor più piacevole il testo. L’autore mette la sua cultura musicale al servizio della limpidezza del racconto». Su “Pulp”, Umberto Rossi lo giudica «un romanzo che costruisce sapientemente tensione e curiosità e sentore di segreti non rivelati».

 

Le prime pagine di Rapsodia su un solo tema su http://www.collacolla.org/?p=1098#more-1098

colla_5

Il booktrailer: http://www.youtube.com/watch?v=p7FsTma1ug4

 

 

  • Share on Tumblr